Cuba è un viaggio dell’anima e dei sensi attraverso il fascino immortale dell’Havana, la bellezza dell’architettura coloniale di Trinidad,  le  sue spiagge (tra le più belle dei caraibi), i colori accesi delle coltivazioni di tabacco e di canna da zucchero, le zone montuose dell’interno e le foreste tropicali dove la natura regna incontrastata. Una terra dove natura e cultura si fondono dando vita alla personalità eclettica e seducente dell’isola e dei suoi abitanti.

Dal dominio spagnolo all’arrivo degli americani,  fino alla rivoluzione di Fidel Castro,  con il suo mix di popolazioni, culture, architetture, Cuba conserva e reinterpreta quotidianamente tutto il fascino di un glorioso passato. Un museo a cielo aperto nel quale puoi lasciarti travolgere dalla musica,  ballare a ritmo di salsa, sorseggiare il celebre rum cubano in uno dei tanti locali dell’isola, godere l’allegria di un popolo accogliente e solare e cogliere al meglio lo spirito più autentico e profondo di quest’isola straordinaria.

Da non perdere:

Musica e salsa, alma de Cuba – la cultura cubana è conosciuta universalmente soprattutto per la musica. Qui sono nati il son, il mambo, e ovviamente la salsa ballata ad ogni ora del giorno. I grandi musicisti come Celia Cruz, Tito Puente e Compay Segundo hanno reso celebri nel mondo la musica e lo spirito di quest’isola nella quale, ad ogni angolo di strada, in ogni ristorante o bar è possibile vedere gente di tutte le età che balla scatenata al ritmo di musica live. Per assaporare l’autenticità cubana lontano dai circuiti turistici più battuti, regalati una visita a Matanzas, dove il fascino decadente degli edifici coloniali si fonde con il ritmo della musica caraibica: un’esperienza che resterà a lungo nel cuore. 

Sigari, rum e mojito – non si può andare a Cuba senza assaggiare il mojito, il cocktail più famoso dell’isola a base di rum, menta e zucchero. E riguardo all’altro cocktail che ha reso famosa l’isola,  chiedi un Cubata invece che un Cuba Libre: la ricetta è uguale, ma il rum utilizzato è il “dorado” (invecchiato). Provare per credere! Del resto le coltivazioni della canna da zucchero e  del tabacco nella zona di Viñales, nel centro dell’isola, oltre a offrire paesaggi mozzafiato sono alla base delle due principali produzioni cubane: il rum e i sigari.

La Santeria – un aspetto tipico della cultura creola cubana è quello della Santeria, religione praticata da circa metà della popolazione, che deriva dall’adattamento dei culti religiosi degli schiavi africani al Cristianesimo. Ancora oggi i Santeros invocano antiche divinità, e visitarne uno può essere un modo per scoprire una Cuba autentica e lontana dagli stereotipi turistici.